Organismo Paritetico Intersettoriale
Ente Bilaterale Nazionale

FAQ - Domande Frequenti

In merito al quesito posto, e ai numerosi interrogativi sulla validità o meno dei crediti formativi per ASPP e RSPP rilasciati nell’ambito di seminari e convegni, anche alla luce degli ultimi chiarimenti degli Accordi Stato Regioni, rifacendoci sopratutto alle risposte rilasciate da diversi esponenti in materia di salute e sicurezza, quali il "Dott. G. Porreca e La Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)", a tutt' oggi la diatriba è ricca di spunti di riflessione. Infatti, come enunciato dallo stesso Porreca, su tale argomento il legislatore avrebbe omesso di richiedere una Conferenza Stato Regioni, richiamando invece gli Accordi del 2006 che furono poi abrogati dal D.Lgs. 81/2008. Eccezione fatta per l' aggiornamento dei Coordinatori per la sicurezza in fase di Progettazione ed in fase di Esecuzione(CSP/CSE), esistendo per loro l' obbligo di aggiornamento quinquennale della durata complessiva di 40 ore che poteva essere svolto anche attraverso la partecipazione a convegni o seminari con un numero massimo di 100 partecipanti in sala, così come recita l' allegato XIV del D.Lgs. 81/2008.

Altre Consultazioni sull' argomento sono state depositate da parte del CIIP alla Camera dei deputati ed al Senato.

In sostanza, alla base dell' estratto della risposta data dalla Camera dei deputati, nella quale viene enunciato che, con specifico riferimento ai corsi di formazione e aggiornamento per i responsabili (RSPP) e per gli addetti (ASPP) dei servizi di prevenzione e protezione aziendale in materia di salute e sicurezza sul lavoro, sono in corso delle intese con il Coordinamento tecnico delle Regioni per la revisione dell’accordoStato-Regioni del 26 gennaio 2006.". E ancora.."Nella revisione dell’ accordo, che si rende necessaria per chiarire i dubbi interpretativi e facilitare anche l’ attività di verifica sull’ effettività della formazione, verrà ribadita la necessità del rispetto di tutti i requisiti previsti ai fini della validità del corso e richiamati dall’ onorevole interrogante"; Dunque,in base alle considerazioni emerse, in data odienra, i crediti rilasciati, anche a convegni, forum, riunioni, etc. sono validi, in quanto non esistono riferimenti normativi che ne disciplinino il rilascio stesso.

Oltre alle piattaforme e-learning, già espressamente regolamentate dalla normativa vigente, EBAFoS riconosce la possibilità di utilizzo di altri canali di comunicazione streaming quali webinar, skype, wildix o qualsiasi altro canale simile; si tratta di videoconferenze, webinair, collegamenti “da remoto”, ormai strumenti efficaci e di largo utilizzo, a maggior ragione in momenti di emergenza sanitaria.

E’ consentito lo svolgimento delle attività formative obbligatorie in materia di salute e sicurezza sul lavoro, ivi comprese quelle di aggiornamento, attraverso strumenti informatici strutturati per l’erogazione della formazione in modalità e-learning e comunque a distanza.

L’utilizzo della modalità di formazione a distanza è escluso qualora essa riguardi attività che presuppongono l’impegno diretto ed immediato della persona in attività pratiche (si pensi, per tutte, alle parti “operative” dei corsi di primo soccorso o antincendio, connotate dalla prevalenza di attività dimostrative) e, quindi, per tutto ciò che può qualificarsi come “addestramento”, secondo la definizione del d.lgs. n. 81/2008.

Invece, per tutti gli aggiornamenti attrezzature da lavoro disciplinati dall’ASR 22/02/12, è possibile appellarsi al chiarimento CM circ. n. 1 2013 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ove viene riconosciuta la possibilità che le 3 ore relative agli argomenti dei moduli pratici possano essere effettuate anche in aula; pertanto è possibile fare ricorso agli strumenti informatici a tal proposito strutturati.

Si prevede la registrazione comprovante l’avvenuta sessione formativa e/o l’estrapolazione di screenshots rilevanti della sessione stessa (es. progressione dell’orario di avanzamento della sessione, entrata e uscita dei discenti, test finale di apprendimento, valutazione dello stesso, etc). Tali collegamenti informatici dovranno consentire il controllo del discente da parte dell’organizzatore del corso e del docente e la possibilità per i partecipanti di porre domande, vedere materiali e superare una verifica finale di apprendimento. I test di apprendimento finale possono essere effettuati tramite colloquio verbale o test in forma scritta, preventivamente inviato via mail al discente o ad un suo tramite, il tutto eseguito in maniera sincrona tra docente e discente.

E’ consentito lo svolgimento delle attività formative obbligatorie in materia di salute e sicurezza sul lavoro, ivi comprese quelle di aggiornamento, attraverso strumenti informatici che garantiscano:

  • il controllo del partecipante da parte del soggetto organizzatore del corso, anche per il tramite del docente;
  • la immediata e simultanea fruizione dei materiali utilizzati dal docente da parte del partecipante;
  • la possibilità per il partecipante di porre domande in modo diretto al docente e di interloquire con il medesimo;
  • la effettuazione di una verifica finale di apprendimento.

Sede di rappresentanza nazionale: Via di Tor Vergata, 434 - 00133 Roma
Contatti DPO: ECOSAFETY SRL - mail: dpo.alp@ecosafety.it - Tel.: 06.94280371 - Privacy Policy - Cookie Policy